Descrizione dell'autore

Web Designer, Programmatore e Sviluppatore SEO 🎖

Home ADS

Il sistema digitale di Ethereum si basa sulla tecnologia blockchain. È noto soprattutto per la propria capacità di rete di criptovaluta , etere e blockchain.


L'obiettivo generale della rete Ethereum è quello di abilitare applicazioni Android decentralizzate (app), come i mercati di token non fungibili ( arte NFT ).


Le transazioni in questi sistemi sono aperte al pubblico e non sono governate da un’autorità centrale. Di conseguenza, la rete Ethereum richiede un sistema globale di computer per costruire e convalidare ogni lotto di transazioni (ovvero un blocco) all'interno della blockchain della piattaforma.

Come estrarre Ethereum

È qui che entra in gioco il mining. I minatori, in sostanza, risolvono enigmi complessi utilizzando la potenza computazionale dell'hardware dedicato. Questo processo non solo mantiene la rete in funzione, ma la protegge anche da hacker e altri attacchi ostili.


I minatori vengono ricompensati per il loro lavoro ricevendo una commissione di transazione: una quantità fissa di ether se un blocco viene convalidato con successo.


Si prevede che nel 2022 la rete Ethereum passerà a un diverso meccanismo di incentivi noto come Proof of Stake (PoS). Nel frattempo, se desideri saperne di più sul mining di Ethereum , abbiamo descritto il processo di configurazione e le migliori pratiche.


Passaggio 1: scegli il tuo approccio minerario

Al momento ci sono tre modi diversi per estrarre Ethereum:

  1. Estrazione nel cloud
  2. Estrazione mineraria in una piscina
  3. miniera per conto mio


L'approccio più semplice per estrarre Ether è unirsi a un pool, soprattutto se non disponi di molto hardware. Questo perché, con l'entrata in circolazione di sempre più valute, l'estrazione di Ethereum è diventata più difficile e dispendiosa in termini di tempo.


Il pool mining consente ai minatori di unire la potenza del proprio computer per risolvere i blocchi Ethereum più velocemente. Di conseguenza, i premi vengono divisi tra i partecipanti in base al loro contributo in termini di potere, misurato dall’hashpower.


Importante: la potenza di calcolo necessaria al tuo dispositivo per risolvere algoritmi crittografici è nota come hashpower.


Il mining da solo è più difficile e richiede molta potenza di calcolo. Avresti bisogno di una fattoria di complicate piattaforme minerarie alimentate da centinaia di schede grafiche per affrontare da solo gli enigmi in un ragionevole periodo di tempo.


È essenziale pensare alle implicazioni finanziarie e spaziali quando si intraprende questa strada. Dovresti considerare fattori come la ventilazione, il rumore, i costi dell'elettricità e lo spazio fisico oltre al costo delle apparecchiature, che può essere di centinaia se non di decine di migliaia di dollari.


Di conseguenza, il mining in solitario è solitamente consigliato solo a minatori esperti che sono disposti a investire una notevole quantità di denaro. Tuttavia, poiché elimineresti i costi e i guadagni condivisi, questa tecnica potrebbe essere più redditizia a lungo termine.


In termini di barriere all’ingresso, il cloud mining è generalmente un processo speciale veloce. Se utilizzi questo metodo non avrai bisogno di investire in una buona macchina o di dedicare il tuo personal computer all'estrazione. Invece, assumi un altro minatore per estrarre monete per te per un prezzo maggiore dell’anticipo.


Condurranno l'estrazione mineraria e tu otterrai il denaro appena coniato. D'altro canto, noleggiare la potenza informatica di un altro minatore comporta una serie di rischi, tra cui frodi e frodi.


Passaggio 2: apri un portafoglio crittografico

Poiché la criptovaluta è digitale, non ci sono monete sciolte di cui preoccuparsi. Tuttavia, avrai comunque bisogno di un posto dove riporre le tue cose.


È qui che i portafogli di criptovaluta tornano utili. I portafogli crittografici sono simili ai conti bancari in quanto conservano la tua valuta. I portafogli possono essere classificati in due parti: portafogli fisici e portafogli digitali.


Portafogli hardware: si tratta di dispositivi fisici, a volte noti come "portafogli freddi", che conservano le chiavi private dei tuoi account crittografici offline. Spesso assomigliano a USB high-tech.


I portafogli software sono app per computer che memorizzano la tua criptovaluta e richiedono una connessione Internet per essere utilizzate. In questi portafogli sono disponibili sia chiavi pubbliche che private.


Entrambi presentano vantaggi e svantaggi. Poiché non sono legati a una piattaforma online, i portafogli hardware sono generalmente ritenuti più sicuri. Tuttavia, sono spesso più costosi e scomodi di un portafoglio software.


I portafogli software, d’altro canto, sono molto più convenienti perché è possibile accedervi tramite un browser web o un’app mobile. Di conseguenza, sono più vulnerabili agli hacker rispetto a un portafoglio offline.


Quindi avrai bisogno di un portafoglio Ethereum se desideri estrarre ether. Otterrai una chiave pubblica una volta aperto un portafoglio, che potrai utilizzare durante la procedura di configurazione del mining.


Se ti unisci a un pool minerario, ad esempio, sarai in grado di collegare il tuo portafoglio e ricevere distribuzioni regolari di valuta in base al tuo contributo di hash power al pool.


Passaggio 3: assicurati di disporre dell'hardware e del software corretti

Prova a unirti a un pool minerario se sei un minatore più attivo. In tal caso, quasi sicuramente avrai bisogno di una combinazione dei seguenti:


  • Una o più unità di rendering grafico in un computer o in un'apparecchiatura mineraria dedicata (GPU).
  • Software di mining per Ethereum. In termini di funzionalità e facilità d'uso, questi possono variare.
  • I driver GPU consentono all'hardware grafico e al sistema operativo di interagire tra loro.
  • Per conservare i tuoi guadagni, dovrai disporre di un portafoglio, che può essere un dispositivo fisico o un programma digitale.

come estrarre ethereum su Android

Se vuoi diventare un minatore accanito e lavorare da solo, dovrai mettere a disposizione una notevole quantità di denaro per l'attrezzatura, per non parlare dello spazio di archiviazione fisico.


Sebbene il mining tramite GPU sia ancora un'opzione, potresti pensare a un'alternativa più costosa ma forse più efficiente: il mining ASIC (Application-Specific Integrated Circuit).


Le macchine minerarie ASIC sono realizzate esclusivamente per il mining di criptovaluta. Di conseguenza, hanno la tendenza a creare una maggiore potenza di elaborazione e a risolvere i blocchi più velocemente.


Ci sono, tuttavia, dei compromessi. Gli ASIC possono costare decine di migliaia di dollari, il che li rende proibitivi per il minatore medio.


"Con il modello PoS all'orizzonte, consiglierei l'acquisto di una GPU invece di un impianto ASIC", afferma Jeff Adams, consulente strategico per le operazioni del data center di MineHog e per il mining di criptovalute.


"Sfortunatamente, quando verrà adottato Ethereum 2.0, gli impianti dei minatori ASIC diventeranno obsoleti. Poiché non sarà possibile vendere nessuna delle sue parti per più di pochi dollari, usarlo come riscaldatore durante i mesi invernali potrebbe essere la soluzione miglior uso che potrai farne in futuro” continua Adams.


Passaggio 4: scegli un pool minerario

Un pool minerario è il metodo più semplice per entrare nel settore del mining di criptovalute, a meno che tu non sia pronto a investire decine di migliaia di dollari in attrezzature. Tuttavia, i minatori interessati devono rivedere le opzioni del proprio pool prima di andare oltre.


La struttura del pool potrebbe differire in termini di dimensioni del pool, hash rate, pagamento e commissioni. Ethermine, ad esempio, ha oltre 400.000 miner attivi al momento della stesura di questo articolo, mentre 2miners ne ha oltre 80.000.


Ciò ha un impatto sul ritmo di risoluzione dei blocchi del pool e, di conseguenza, sul suo pagamento. Tuttavia, ci sono più di due pool tra cui scegliere e PoolWatch può aiutarti a confrontare e monitorare i pool minerari Ethereum attivi.


Ecco una carrellata di alcuni dei fattori più diffusi del pool minerario:


  • Il numero di minatori attivi nel pool determina la dimensione del pool.
  • Hashrate: come affermato in precedenza, l'hashrate rappresenta la potenza informatica aggregata del pool minerario.
  • Il pagamento minimo è l'importo che deve essere pagato prima di poter ricevere i premi in etere.
  • Il meccanismo del pool per fornire premi ai suoi membri è noto come metodo di pagamento.
  • Commissioni: una parte fissa di ciascun blocco risolto viene raccolta dall'amministratore del pool come pagamento per la gestione del pool.


Passaggio 5: raccogli i tuoi frutti

È finalmente giunto il momento che il tuo duro lavoro (almeno sul tuo computer) venga ripagato. Puoi iniziare a raccogliere passivamente ether dopo aver impostato la tua operazione di mining e creato un portafoglio.


A meno che tu non faccia parte di un pool minerario, verrai pagato in rate periodiche in base al successo quadrato del tuo gruppo. Gli utenti hanno accesso a dashboard digitali per la maggior parte dei pool minerari per monitorare i risultati del mining, come produttività e entrate.


"Storicamente, Ethermine, F2Pool, Nanopool e FlexPool sono stati i pool di maggior successo", afferma Chris Kline, Chief Operating Officer di Bitcoin IRA.


"Questi pool forniscono blocchi normali, con tariffe relativamente basse e frequenti aggiornamenti del software per rendere il pool più fluido", scrive.


Il presupposto che una criptovaluta aumenterà di valore è, in generale, la motivazione principale per minarla. Di conseguenza, sei responsabile della gestione delle tue risorse crittografiche adesso e in futuro. Per dirla in altro modo, sei sia un crypto miner che un investimento

Advertisement first article

Advertisement below the article

Back to top button